Frequently Ask Questionclicca sulla domanda per vedere la risposta

DOMANDA 1. Dopo un lungo calvario di diagnosi inutili, varie e fantasiose sono stata indirizzata alla Neurologia per un'eventuale diagnosi di miastenia. Mi è stata fatta visita neuro, elettromiografia ripetuta al braccio destro e esami sangue e urine. E' stata trovata una riduzione della sensibilità; negli arti di DX e una tetania latente ma poi l'esame per gli antirecettori dell'acetilcolina ha dato esito negativo e così mi han detto che non c'è miastenia. Ora, poichè i sintomi paiono invece essere
RISPOSTA: La sintomatologia clinica è caratterizzata da deficit di forza che tipicamente peggiora con l'attività fisica. Il deficit e l'astenia possono coinvolgere un numero variabile di muscoli del corpo ed avere andamento altalenante rendendo talora difficile la valutazione. L'EMG che deve essere fatto da parte di un neurofisiologo esperto con stimolazione ripetitiva o se negativo con la tecnica definita a singola fibra (jitter) Il dosaggio degli anticorpi anti-recettore dell'acetilcolina o in alternativa degli anticorpi anti-MusK 4) il test al Tensilon o alla Prostigmina che però può essere eseguito solo se vi è un paramentro clinico facilmente valutabile (ad esempio la ptosi) La clinica e i sintomi sono il criterio indispensabile di solito associato ad almeno un altro criterio. Talora la diagnosi può essere difficile e sfuggente soprattutto all'inizio e comunque, nel dubbio, conviene sentire 1 o 2 opinioni da parte di centri o neurologi esperti in Miast

DOMANDA 2. Ho la miastenia grave, con percentuale di invalidità civile del di 50%. Vorrei fare richiesta di Legge 104 per poter avere riduzione dell'orario lavorativo. Temo che, avendo una percentuale non troppo alta di invalidità, non riesco ad ottenere la riduzione oraria.
RISPOSTA: Consigliamo di prendere visione delle sintetiche indicazioni inserite nella pagina: legislazione.